martedì 24 aprile 2012

Farsa Champions: Offresi Generoso Regalo al Barça

Come ogni anno da un lustro a questa parte, si arriva alle fasi finali della massima competizione europea tra elogi sperticati e servili alla magnificenza della squadra catalana.
E come ogni anno, l'imbattibile 11 di Guardiola diviene improvvisamente "battibile"; ignudo e vulnerabile alle scorribande altrui, secondo copione, interviene la solita spintarella arbitrale che risolve ogni difficoltà e permette ai cronisti lobotomizzati dal "ricatto amorale" del bel calcio (ma chi sancisce i criteri di bellezza? Per Kant, ad esempio, si entra nella sfera della più insindacabile soggettività) di riprendere la litania di complimenti al demiurgo Pep (in realtà, causa prima delle recenti disfatte, con una sperimentazione inopportuna e deleteria).
Oltre ogni aforisma giuridico, gli indizi che ci conducono ad una soluzione sempre più chiara non sono 3, ma addirittura 4: ai 2 rigori non concessi al Chelsea nella competizione del 2009, all'espulsione di Thiago Motta in una serata epica per l'Interismo ed al rosso sventolato a Van Persie l'anno scorso, si aggiunge la massima punizione per Terry-reo di un gesto stupido, certamente!- ma che avrebbe potuto essere trattato con maggiore buon senso.

Nel frattempo, Ramires riaccende le speranze dei Blues -alla loro ultima spiaggia ed indubbiamente fortunati all'andata.
Vedremo se ci sarà bisogno di un'altra spinta per tornare ad incensare la grandezza di una squadra che di enorme -oltre alle indiscutibili e superiori qualità tecniche- ha anche l'antisportività...


Aggiornamento:
La più dolce delle vendette sportive per i Blues è servita. Ora, attendono il grande ex o lo spauracchio teutonico.



2 commenti:

  1. tutti la possono pensare come vogliono,ma tu vivi in un altro mondo......

    RispondiElimina
  2. Addirittura?
    Mi sembra che la tua premessa alla Voltaire sia incoerentemente in disaccordo con quel che dici, offensivo ed a-critico.
    Se hai deciso di commentare, sarebbe gradito che argomentassi.
    Mi farebbe molto piacere, altrimenti non accetto una frase che non aggiunge niente alla dialettica -naturale- di 2 persone che possono -quasi, devono- pensarla diversamente!

    RispondiElimina